sabato 11 febbraio 2017

Il miope

 

Guardo la luna stendersi nel blu nella quiete di questa notte fredda: l'aria che sale dal fiume la solleva in alto come una lanterna cinese. Non è astrazione stasera la vita, non è un segreto serbato nel cuore ma solo questa mia presenza qui e adesso di fronte alle luci gialle. I sogni e le illusioni non contano quando sono racchiusi nell'attimo: c'è solo questo incanto di cielo sospeso nel buio sopra la valle. Chiamalo poesia, chiamalo emozione.

Adesso le parole tacciono. Quelle parole che affiorano talvolta dalle lettere dimenticate oramai, legate con un nastrino rosso – asterischi tra le righe punteggiano il passato, l’amore si trasforma sempre più in ombra, la sua luce è un flebile bagliore che svanisce. E questa ombra di un amore che rimane imprigionata nel cono senza luce nasconde quello che contiene per rivelare lo splendore di ciò che resta fuori. Nei fondi di bottiglia del ricordo leggo il tempo perduto – appare deformato agli occhi miopi, ogni bordo è indefinito, ogni oggetto risulta sfuocato. La sua musica forma un accordo che alla memoria risuona incantato ma che alla ragione sembra stonato, in contrasto con il mondo che fatalmente evoca. Cedere a questa illusione diventa un gioco, mescolare il sogno al reale e ridisegnare ciò che fu davvero. Ma sono io il primo a sapere di essere come chi, bussando al portone di un oscuro castello, sa già quale tesoro sia nascosto nel maniero.

Questo stato di vita che mi impongo, questo sentire che mi assale in piena notte e mi lascia sulla pelle brividi se è ancora amore, è purissimo amore. Arde in me, non mi divora ma mi nutre: alimenta l'anima come il sangue dona alla carne tutti i suoi elementi. La mente ha questi lucidi ritorni – quello che volevamo è perduto ma rimane sul greto inaridito della memoria. Salgo alle sorgenti, ridiscendo tra i rovi del passato per riscoprirti ed essere con te. Lo so che quella notte con la luna a occhio di gatto prendemmo due strade differenti, ma la via del ricordo non è tortuosa, si disegna piana sulla mappa che unisce ieri ad oggi. Per questo adesso tolgo gli occhiali per sfuocare il mondo, per spingere il reale nel suo angolo e rintanarmi in ciò che a me è vicino. In questo stato di miopia mi perdo come ci si smarrisce dentro un sogno: potrei improvvisamente essere altrove, potresti all’improvviso esserci tu.

2008

80s-Clubsmen-Glasses

FOTOGRAFIA © FRAMEGEEK

Nessun commento: