mercoledì 25 marzo 2009

Il treno


Luca Mascagni salì sul treno alla stazione di M.; era il primo passeggero. Scelse un sedile accanto al finestrino e guardò l’orologio: ancora mezz’ora alla partenza. Si guardò attorno: era una vettura modernissima, con comode poltroncine in plastica blu d’avanguardia e un pavimento verde chiaro; i finestrini non si potevano aprire, ma un efficiente impianto di aria condizionata provvedeva a mantenere il clima confortevole.

Passò qualche minuto. Non era salito nessun altro. Luca Mascagni si chiese se non avesse sbagliato treno, se quei vagoni per qualche motivo non effettuassero servizio. Dietro i finestrini continuavano però a passare gli altri passeggeri, diretti a vetture posteriori.

Luca guardò la stazione: nella penombra delle volte i ferrovieri si affaccendavano al lavoro, gli operai con secchi e ramazze pulivano le carrozze del treno per P., in partenza di lì a un’ora; alla sua sinistra partì il regionale per C., consentendogli di spaziare con lo sguardo fino al binario 20, ai caseggiati anneriti dallo smog al di là della stazione.

Ancora passeggeri avanzavano senza salire: passò una ragazza con i capelli biondi e un libro sotto il braccio, quindi un sacerdote con il clergyman, un uomo in giacca e cravatta con una cartella di pelle. Nessuno di questi entrò nella carrozza, mancavano cinque minuti alla partenza e una vaga inquietudine cominciò a farsi largo nella mente di Luca Mascagni.

Infine salì un anziano ferroviere con un’enorme barba bianca e un tintinnante mazzo di chiavi appeso all’inappuntabile divisa blu e verde. Il capostazione accordò la partenza e il convoglio si mise in moto infilando la lunga galleria.

Uscito dal tunnel, il treno viaggiava come sospeso, sembrava galleggiare su un cuscino d’aria, alla maniera degli hovercraft. All’improvviso, prima di giungere alla stazione di G., con stupore di Luca Mascagni, il treno decollò e si levò sopra le nuvole. No, solo la sua carrozza - vide Luca - era in volo e lo conduceva al Paradiso, guidata dall’anziano ferroviere, al quale, dietro la giacca verde d’ordinanza, erano spuntate un paio d’ali.


Leslie Reagan, "New York to Chicago"

Nessun commento: