sabato 25 marzo 2017

Il furto della Gioconda

 

La notte tra domenica 20 e lunedì 21 agosto 1911, il dipinto più famoso del mondo, la Gioconda di Leonardo da Vinci  venne rubato dal Louvre di Parigi. Il furto del secolo. A prelevare il pannello di pioppo di 77 cm x 53 e a nasconderlo sotto il cappotto prima di eclissarsi nella notte parigina fu tale Vincenzo Peruggia, un decoratore e imbianchino italiano emigrato in Francia dalla provincia di Varese. Secondo alcune fonti, si era nascosto in un armadio per le scope durante l’orario di apertura ed era poi sgattaiolato fuori; secondo altre si presentò alle 7 del mattino vestito con l’uniforme bianca degli inservienti del museo, che il 21 era chiuso. Comunque sia, il compito gli fu facilitato dall’aver lavorato alla messa in opera della teca che custodiva il dipinto, posto allora nel Salon Carré, e dall’aver conosciuto in tal modo le abitudini delle guardie: uscì mentre una di esse era andata a farsi riempire un secchio d’acqua e se ne andò in taxi. Il mattino del 22 agosto il pittore Louis Béroud si presentò presto al Louvre per eseguire uno schizzo preparatorio per l’opera che intendeva dipingere, Mona Lisa au Louvre, e trovò il muro vuoto. Chiese allora ai guardiani, che gli dissero che forse era nell’atelier fotografico. Non c’era…

Iniziarono immediatamente le indagini della polizia parigina. Prima di arrivare a Vincenzo Peruggia, molti furono i sospettati: persino il poeta Guillaume Apollinaire, che fu arrestato e passò qualche giorno in prigione, e Pablo Picasso, tirato in ballo da Apollinaire, che venne a lungo interrogato dalla Gendarmerie: i due avevano manifestato l’intenzione di svuotare i musei distruggendo le opere in essi esposti per sostituirle con le proprie. Era una boutade da artisti megalomani, nulla più. E ancora le autorità francesi seguirono un’altra pista; pensarono anche che si trattasse di un affronto dei boches, gli odiatissimi tedeschi. Non era vero, naturalmente. Il Louvre rimase chiuso per un’intera settimana per agevolare le indagini: quando riapri, al posto dell’illustre Monna Lisa era appeso un ritratto eseguito da Raffaello Sanzio, quello del letterato Baldassarre Castiglione..

La polizia parigina finalmente bussò anche alla porta di Vincenzo Peruggia: la Gioconda era nascosta sotto il letto, ma nessuno pensò di perquisire l’appartamento, si accontentarono dell’alibi – naturalmente falso – fornito dall’imbianchino. Rimase lì per quasi due anni, fino a quando Peruggia si trasferì a Firenze. E lì il ladro divenne impaziente, contattò il proprietario di una galleria d’arte, Adolfo Geri, e gli disse che voleva restituire il dipinto alla sua patria, l’Italia. Si diceva un convinto patriota e pensava che un’opera di tal fatta dovesse essere esposta in un museo italiano. Ma un fatale errore era alla base delle sue convinzioni: la Gioconda fu dipinta in Francia e non, come credeva lui e come credono tuttora molti italiani, sottratta a un museo durante le spoliazioni effettuate dalle truppe di Napoleone. Geri mise in contatto Peruggia con il direttore degli Uffizi, Giovanni Poggi. L’incontro avvenne all’Hotel Tripoli, in Via de’ Cerretani: Peruggia chiese 500.000 lire per le spese sostenute, Poggi chiese invece di poter autenticare l’opera. Nel frattempo, l’imbianchino andò a spasso per Firenze: fu lì che la polizia, allertata da Geri e Poggi, lo arrestò.

Il processo non andò poi tanto male per Vincenzo Peruggia: lo dichiararono “mentalmente minorato” e fu condannato a una pena di un anno e quindici giorni di prigione, poi ridotta di cinque mesi. Ma attirò le simpatie di molti, che vedevano nel suo furto un gesto romantico: lui stesso alimentò quell’immagine dichiarando di aver trascorso due anni meravigliosi guardando la Gioconda appesa sopra il tavolo della cucina.

Il dipinto invece cominciò il suo pellegrinaggio per tornare al Louvre: rimase esposto agli Uffizi, poi a Roma, a Palazzo Farnese, ambasciata di Francia, e alla Galleria Borghese in occasione del Natale 1913. Poi fu messo su un treno e inviato a Modane, dove le autorità francesi ne ripresero possesso. Fece tappa a Bordeaux e a Tolosa; il presidente della Repubblica in persona, insieme ai rappresentanti del governo, lo accolse nel Salon Carrè: Monna Lisa era finalmente tornata a casa.

 

Mona_Lisa_stolen-1911 (1)

.

FOTOGRAFIE © MUSEO DEL LOUVRE

sabato 18 marzo 2017

Bang Bang

 

Avevamo cinque anni, correvamo sui cavalli io e lei contro agli indiani, eravamo due cow boy - bang bang, di colpo lei, bang bang, lei si voltò bang bang, di colpo lei, bang bang, a terra mi gettò.*

Ci conoscevamo da sempre, si può,dire, affiancati nelle carrozzine, nei passeggini, sulle altalene, negli stessi spiazzi di sabbia del parco giochi. I miei genitori e i suoi erano buoni amici, condividevano serate in pizzeria, passeggiate nei parchi, uscite domenicali in cerca del formaggio tipico o del salame nostrano del contadino. Si può dire che crescemmo insieme, giocando nei pomeriggi lunghi d’estate nel mio giardino a rincorrerci oppure nei giorni d’inverno sul pianerottolo fingevamo di essere papà e mamma e ripetevamo le conversazioni orecchiate la sera a tavola.

Quindici anni aveva lei, ricordo quando mi baciò bang bang, di colpo lei, bang bang, lei si voltò
bang bang, lei mi baciò, bang bang, e a terra mi lasciò.

Frequentammo le elementari assieme, poi le nostre strade si divisero: le mie medie furono presso un istituto maschile dove potevo rimanere tutto il giorno mentre i miei lavoravano, lei finì alla vicina scuola statale. Ma non ci perdemmo di vista, ci ritrovavamo qualche volta il sabato sera quando le famiglie uscivano – sempre meno adesso – e la domenica in oratorio e d’estate ci rifugiavamo spesso nell’oasi del giardino a sognare sui libri. Poi finì che ci trovammo sullo stesso treno – io al liceo classico, lei al linguistico – e mentre i campi e le stazioni di provincia scorrevano dietro i finestrini scoprivo colori nuovi nei suoi occhi. Fu sul treno che mi baciò per la prima volta – sì, fu lei a prendere l’iniziativa: mi tenne le mani a lungo, mi guardò sorridendo dei miei rossori e poi avvicinò il suo viso al mio, le sue labbra sulle mie…


A vent'anni all'improvviso, senza dir perché né dove se n’è andata lei mi ha ucciso come fosse un colpo al cuor bang bang, di colpo lei, bang bang, lei si voltò bang bang, lei se ne andò, bang bang, e a terra mi lasciò.

Restammo insieme cinque anni: esplorammo i nostri corpi e i territori dell’amore, superammo le insidie della vita e della carriera scolastica, raggiungemmo la maturità in un caldissimo luglio dopo aver studiato insieme. Fu un’estate meravigliosa quella, prendemmo il traghetto per la Grecia e scendemmo a Mykonos dove bevemmo mare, cielo e ouzo. Credevamo di avere trovato il paradiso. Ci iscrivemmo all’Università – io optai per Scienze Politiche, lei ovviamente scelse Lingue e Comunicazione: ci incontravamo in stazione quasi ogni mattina e raggiungevamo Milano dove poi le nostre strade divergevano. Ma di divisero anche le nostre vite piano piano: lei si fece sempre più lontana, io ero preso dai miei primi pesantissimi esami. Non ci accorgemmo neppure che ci eravamo lasciati, così improvvisamente. Lo capii quando mi trovai seduto in terra a piangere un giorno in cui la cercai vicino a me e non c’era. Chiamai suo padre, con cui avevo maggiore confidenza, l’uomo con cui molte volte avevo giocato a carte o a pallone: “Lucia se n’è andata, Davide” mi disse e sentii tutto l’imbarazzo nella sua voce “ha lasciato l’Università e si è trasferita a Londra. Ci ha spiazzato, non ce lo aspettavamo”. Non me l’aspettavo neppure io, ma ragionandoci sopra una notte insonne, compresi che l’avevo sempre saputo, che lei era più forte di me e che aveva voluto prendere in mano la sua vita. Io ero soltanto un danno collaterale…

 

* Bang Bang (Colombini-Del Prete/Bono)

 

sabato 11 marzo 2017

Viaggio intorno alla mia camera

 

Un viaggio dove non si va da nessuna parte, o meglio dove rimanendo fermi si vola dappertutto, si evade dalla prigione della propria vita ispezionando il proprio io come se fosse un mondo… È “Viaggio intorno alla mia camera”, un esile volumetto di un centinaio di pagine scritto tra il 1790 e il 1794 da Xavier de Maistre, fratello minore del più celebre Joseph, filosofo e diplomatico savoiardo, che darà alle stampe il testo nel 1795.

E dunque Xavier de Maistre, ventiseienne aiutante maggiore di battaglione, del reggimento di fanteria La Marina, poco prima del carnevale del 1790 ha una vertenza d’onore a Torino con l’ufficiale Patono de Meyran con il quale va a duello, vincendolo. Il duello gli costa però una punizione: viene confinato agli arresti domiciliari nella sua stanza alla cittadella militare del capoluogo piemontese. Xavier, che qualche anno prima, pochi mesi dopo il lancio del primo aerostato da parte dei fratelli Montgolfier, aveva sperimentato l’ebbrezza del volo compiendo un’ascensione di duemila metri in mongolfiera, trova la libertà nella dicotomia tra anima e corpo: lascia il proprio corpo nella stanza e dà libero sfogo all’immaginazione con quella che Saint-Beuve definì una “grazia sorridente” e che altro non è se non l’afflato della poesia, la consapevolezza che la sensibilità può spalancare le porte di un mondo incantato nel quale trovare la felicità a dispetto delle contingenze materiali.

De Maistre ripercorre, anticipando Robbe-Grillet, tutti gli oggetti della stanza – la poltrona, il letto, stampe e quadri, lo specchio, la scrivania, la sedia – usandoli come trampolino per l’evasione fittizia verso quel paese fantastico che diverrà la terra della libertà, tanto che, allo scoccare dei 42 giorni, così dirà: “Incantevole paese dell’immaginazione, che l’Essere benefico per eccellenza ha concesso agli uomini per consolarli della realtà, ti debbo lasciare. – Oggi stesso, certe persone da cui dipendo hanno la pretesa di ridarmi la libertà: – come se me l’avessero tolta! come se avessero potere di rubarmela un solo istante, e d’impedirmi di percorrere a mio piacimento il vasto spazio sempre aperto, dinanzi a me! – Mi hanno vietato una città, un punto; ma mi hanno lasciato l’universo intero; l’immensità e l’eternità sono ai miei ordini”.

2009

 

Kersting

GEORG FRIEDRICH KERSTING, “UOMO CHE LEGGE ALLA LUCE DI UNA LAMPADA”

sabato 4 marzo 2017

Un mare quieto

 

Seduto sulla postazione rialzata del bagnino, Giovanni continuava a guardare il mare: una distesa di piccole onde che, portate dal leggero grecale, accarezzavano la spiaggia. In realtà, lo sguardo di Giovanni era fisso sul mare, come se i suoi occhi in quel momento fossero un impiccio per i suoi pensieri, che invece vagavano con un ritmo simile a quello delle onde. Il punto era quell’amore che aveva finalmente trovato – o che aveva trovato lui, si diceva spesso meravigliato: non si capacitava, non corrispondeva a quell’idea di amore che si era fatto in tanti anni, non credeva fosse possibile innamorarsi così. Eppure, in quel rapporto spensierato e spontaneo, si muoveva a suo agio, sentiva di incastrarsi perfettamente con Anna: riflettendo, pensò alle tessere di un puzzle o a certi intarsi in legno che diventano praticamente inseparabili.

Quella semplicità, quella giocosa complicità non l’aveva provata neppure con il primo amore, troppo elucubrato, troppo cerebrale forse, intento a interpretare la novità, a cogliere i segnali di quello che poteva sembrare un sogno – in effetti era come un’avventura, aveva significato per lui conoscere anche se stesso oltre che i meccanismi dell’amore, un po’ come fanno gli esploratori o i viaggiatori che si spostano in una città sconosciuta dove si parla una lingua che non si padroneggia. L’incomprensione e l’inesperienza portarono a troncare quel rapporto che lo ferì forse oltremodo. Non trovò strano arrivare poi disilluso, prevenuto, a qualche successivo tentativo: non riusciva a valutare il sentimento, non era in grado di dargli un nome più preciso, più definito. In breve, non era più riuscito a innamorarsi compiutamente, a lasciarsi andare.

Si stava rassegnando ormai, quando si era imbattuto in Anna, in quella che lui aveva definito “donna dall’esuberante timidezza” ben sapendo che lei avrebbe risposto che “la aveva fotografata esattamente”. Quell’empatia toglieva ogni velo, era il segreto della tranquillità che provavano entrambi, uno stato di serenità che li faceva stare bene.

“Il nostro amore” si disse rialzandosi e spolverandosi con le mani la sabbia dai blue-jeans, “è un mare quieto”.

 

sabato 25 febbraio 2017

Presso l’Adda

 

A Imbersago, Brianza lecchese, nel piazzale dove ci si imbarca sul traghetto di disegno leonardesco che attraversa il fiume Adda, c’è una lapide sul muro con incisa una poesia di Salvatore Quasimodo, quella che comincia così: “Striscia l'Adda al tuo fianco nel meriggio / e segui l'ombra a rovescio del cielo.  / Qui, dove curve pecore risalgono / con il capo affondato dentro l'erba,  / saltava l'acqua a taglio della ruota, / e s'udiva la mola del frantoio  / e il tonfo dell'uliva nella vasca”. Una scelta davvero azzeccata: ci si mette lì un po’ di profilo e, leggendola, si possono tradurre quelle parole in immagini, come se fosse un film. Ecco il cielo riflettersi nell’acqua e le nuvole che fanno a gara con i germani nello sguazzare; ecco i boschi della sponda dove ancora raramente capita di incontrare le greggi, soprattutto d’inverno, e di notare i loro bioccoli lanosi appesi a qualche spina di roveto. Se non c’è la mola del frantoio, è possibile trovare qualche manufatto per lo scolo delle acque; di certo per tutta la bella stagione c’è il sambuco, dapprima odoroso con i suoi fiori bianchi, poi adornato delle sue belle bacche scure; le canne palustri agitano al vento le loro chiome, riempiendo vasti tratti in prossimità della riva.

Adesso è normale apprezzare questa tranquillità, questo scenario di pace: quando Quasimodo scrisse questa poesia, la guerra era ancora un freschissimo ricordo, probabilmente si era conclusa da poco. Ma da qualche parte, presso l’Adda, il poeta siciliano trova risposte alle sue domande: la vita a primavera riemerge, le piante rinverdiscono, porgono il loro saluto alla terra in un emblema della lotta dell’umano al disumano, così diverso dall’«erba maligna» che «tra tombe di macerie solleva il suo fiore». E in questa rigogliosa natura anche il poeta adesso ritrova la sua certezza, mentre con la mano fa schermo agli occhi, abbacinati dai riflessi dell’Adda.

 

DSC_5126

FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA

sabato 18 febbraio 2017

Anima e corpo

 

“Dopo il pranzo Nataša, pregata dal principe Andrej, andò al clavicembalo e si mise a cantare. Il principe Andrej stava ritto a una finestra, parlando con le signore, e tendeva l’orecchio a lei. A mezzo di una di quelle frasi musicali, il principe Andrej ammutolì, e sentì, sorpreso, che in gola gli saliva il pianto, cosa di cui non si sarebbe creduto capace. Posò lo sguardo su Nataša che cantava, e nell’intimo dell’essere gli avvenne qualcosa di nuovo e di felice. Si sentiva felice e, nello stesso tempo, si sentiva triste. Non aveva, assolutamente, nessuna ragione di piangere, eppure stava sul punto di rompere a piangere. Di che cosa? Dell’amore d’un tempo? Della piccola principessa? Delle delusioni patite?… Delle speranze nell’avvenire?… Sì e no. Più d’ogni altra cosa, quello di cui gli veniva voglia di piangere, era (nell’improvvisa, viva coscienza che gliela svelava) la tremenda contraddizione fra un che d’infinito, di sublime e d’indefinibile, che c’era in lui, e un che di angusto e di corporeo, che costituiva l’essere suo, e anche l’essere di lei. Questa contraddizione lo struggeva e lo faceva esultare mentre lei veniva cantando”.

È un brano di Guerra e pace di Lev Tolstoj, esattamente dal capitolo XIX della terza parte del secondo libro: nel classico modo di raccontare tolstojano i personaggi si scaldano e si accendono di qualcosa che trascende le vicende umane. Così il principe Andrej Bolkonskij, ferito ad Austerlitz e colpito poco tempo prima dalla morte di parto della moglie Lisa, ha una rivelazione in una serata mondana a casa dei Rostov, mentre la bella Nataša canta accompagnandosi al clavicembalo. Felicità e tristezza fuse insieme, un’emozione fortissima che gli impedirà poi di dormire e che ancora non è in grado di chiamare amore per Nataša. Ma quella sera il principe Andrej prova qualcosa che tutti noi probabilmente abbiamo provato – che sia stato l’amore o una sera in riva al mare o una notte in un rifugio montano a guardare le stelle – e cioè la sensazione di avere un qualcosa che travalica il nostro corpo, chiamiamolo anima oppure essere o ancora spirito. Quella sensazione che ci fa capire di come l’infinito possa raccogliersi nel piccolo, di come sia vera l’affermazione delle Upanishad che “l’anima tua è l’intero mondo”.

 

2011

 

andrei

UNA SCENA DA “GUERRA E PACE”, 2016 © BBC

sabato 11 febbraio 2017

Il miope

 

Guardo la luna stendersi nel blu nella quiete di questa notte fredda: l'aria che sale dal fiume la solleva in alto come una lanterna cinese. Non è astrazione stasera la vita, non è un segreto serbato nel cuore ma solo questa mia presenza qui e adesso di fronte alle luci gialle. I sogni e le illusioni non contano quando sono racchiusi nell'attimo: c'è solo questo incanto di cielo sospeso nel buio sopra la valle. Chiamalo poesia, chiamalo emozione.

Adesso le parole tacciono. Quelle parole che affiorano talvolta dalle lettere dimenticate oramai, legate con un nastrino rosso – asterischi tra le righe punteggiano il passato, l’amore si trasforma sempre più in ombra, la sua luce è un flebile bagliore che svanisce. E questa ombra di un amore che rimane imprigionata nel cono senza luce nasconde quello che contiene per rivelare lo splendore di ciò che resta fuori. Nei fondi di bottiglia del ricordo leggo il tempo perduto – appare deformato agli occhi miopi, ogni bordo è indefinito, ogni oggetto risulta sfuocato. La sua musica forma un accordo che alla memoria risuona incantato ma che alla ragione sembra stonato, in contrasto con il mondo che fatalmente evoca. Cedere a questa illusione diventa un gioco, mescolare il sogno al reale e ridisegnare ciò che fu davvero. Ma sono io il primo a sapere di essere come chi, bussando al portone di un oscuro castello, sa già quale tesoro sia nascosto nel maniero.

Questo stato di vita che mi impongo, questo sentire che mi assale in piena notte e mi lascia sulla pelle brividi se è ancora amore, è purissimo amore. Arde in me, non mi divora ma mi nutre: alimenta l'anima come il sangue dona alla carne tutti i suoi elementi. La mente ha questi lucidi ritorni – quello che volevamo è perduto ma rimane sul greto inaridito della memoria. Salgo alle sorgenti, ridiscendo tra i rovi del passato per riscoprirti ed essere con te. Lo so che quella notte con la luna a occhio di gatto prendemmo due strade differenti, ma la via del ricordo non è tortuosa, si disegna piana sulla mappa che unisce ieri ad oggi. Per questo adesso tolgo gli occhiali per sfuocare il mondo, per spingere il reale nel suo angolo e rintanarmi in ciò che a me è vicino. In questo stato di miopia mi perdo come ci si smarrisce dentro un sogno: potrei improvvisamente essere altrove, potresti all’improvviso esserci tu.

2008

80s-Clubsmen-Glasses

FOTOGRAFIA © FRAMEGEEK